Regolamento Centro Studi UILT

REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI NAZIONALE DELLA U.I.L.T. APPROVATO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE DELLA U.I.L.T. BOLOGNA, TEATRO ALEMANNI, 3 FEBBRAIO 2019 

Art. 1 IL CENTRO STUDI NAZIONALE DELLA U.I.L.T. 

Ad integrazione di quanto previsto dall’Art. 27 dello Statuto Nazionale, si precisa che i compiti del Centro Studi Nazionale della U.I.L.T. sono: 

 stimolare, raccogliere, valutare e finanziare, nell’ambito dei fondi assegnati dal Consiglio Direttivo Nazionale, progetti di formazione e informazione per i propri associati, anche provenienti dai Soci, con il coinvolgimento di esperti interni ed esterni all’Unione di comprovata esperienza; 

 progettare e realizzare gli eventi legati all’Assemblea Nazionale e gli eventi artistici nazionali in accordo alle direttive del Consiglio Direttivo Nazionale; 

 progettare, anche a margine di Rassegne, Festival o attività, iniziative (convegni, seminari, corsi, tavole rotonde, etc.) che alimentino il confronto ed il dibattito su tematiche teatrali e sociali, all’interno e all’esterno dell’Unione, sollecitando la presenza delle forze più vive della cultura italiana ed internazionale; 

 collaborare all’organizzazione di corsi e seminari con esponenti del mondo teatrale, per un necessario e irrinunciabile confronto di esperienze; 

 predisporre iniziative, anche in accordo con altri settori della vita del Paese, volte a sottolineare gli aspetti umani e culturali di personalità, organizzazioni, gruppi teatrali, particolarmente distintisi nella qualificazione del teatro in ambito nazionale e/o internazionale; 

 diventare centro promotore dello studio e della ricerca teatrale; 

 essere punto di riferimento per la raccolta di materiale drammaturgico e saggistico, con l’intento di metterlo a disposizione dei soci anche attraverso idonei mezzi tecnologici; 

 essere centro di documentazione dell’attività svolta. 

Art. 2 IL COMITATO NAZIONALE DEL CENTRO STUDI DELLA U.I.L.T 

a) Il Centro Studi Nazionale della U.I.L.T. è composto dal Comitato Nazionale del Centro Studi della U.I.L.T, formato da tutti i Responsabili dei Centri Studi delle Regioni affiliate alla U.I.L.T., nonché dei Responsabili dei Centri Studi delle Province Autonome di Trento e di Bolzano; è presieduto da un Direttore Nazionale coadiuvato da un Segretario Nazionale, ambedue eletti dal Consiglio Direttivo Nazionale; 

b) per particolari esigenze artistiche e/o gestionali, il Consiglio Direttivo Nazionale della U.I.L.T. può altresì nominare persone fisiche non affiliate alla U.I.L.T., quali consulenti temporanei, non retribuiti, che possono partecipare senza diritto di voto alle riunioni del Comitato Nazionale del Centro Studi; 

c) il Comitato Nazionale del Centro Studi ha il compito di elaborare e proporre l’indirizzo del Centro Studi e svolge le seguenti funzioni: 

 programma progetti di formazione ed informazione per i propri associati; 

 stimola le regioni e le compagnie ad intraprendere progetti di formazione e informazione; 

 collabora alla stesura del Piano delle Attività e contribuisce alla sua realizzazione; 

 verifica sul territorio la riuscita delle attività intraprese; 

d) il Comitato Nazionale del Centro Studi, in piena autonomia, decide: 2 

 tempi e luoghi di riunione del Comitato Nazionale del Centro Studi, comunque coordinati con il medesimo; 

 tempi e modi di presentazione dei progetti provenienti dalle Regioni e dalle Compagnie; 

 tempi e criteri di valutazione dei progetti provenienti dalle Regioni e dalle Compagnie; 

 assegnazione dei contributi, dei rimborsi, e degli impegni di spesa per ogni singola attività o progetto; 

 verifiche e controlli delle attività finanziate. 

Art. 3 IL DIRETTORE NAZIONALE DEL CENTRO STUDI DELLA U.I.L.T. 

a) Il Direttore Nazionale del Centro Studi convoca e presiede le riunioni del Comitato Nazionale del Centro Studi, apporta idee e stimoli per l’attività del Centro Studi, muovendosi lungo le linee programmatiche concordate con il Consiglio Direttivo all’atto dell’accettazione della nomina; 

b) per l’attività che svolge avrà il rimborso delle spese in accordo con i criteri stabiliti dal Consiglio Direttivo Nazionale; 

c) in caso di sua decadenza è il Presidente Nazionale, od un suo delegato, che ne assume le funzioni. 

Art. 4 IL SEGRETARIO NAZIONALE DEL CENTRO STUDI 

Il Segretario Nazionale del Centro Studi della U.I.L.T.: 

a) sostituisce il Direttore in caso di sua assenza; 

b) coordina l’attività del Centro Studi sulla base delle linee programmatiche concordate con il Consiglio Direttivo e con il Comitato Nazionale del Centro Studi; 

c) gestisce i finanziamenti messi a disposizione dal Consiglio Direttivo, anche con l’incarico di cassiere-economo, provvedendo alla tenuta della contabilità, alla stesura dei bilanci e di ogni altro atto previsto e/o necessario, rispondendone amministrativamente al Segretario del Comitato Esecutivo Nazionale; 

d) provvede ad inoltrare le convocazioni del Comitato Nazionale del Centro Studi e a redigere l’ordine del giorno degli incontri; 

e) redige i verbali degli incontri del Comitato Nazionale del Centro Studi e li trasmette per posta elettronica a tutti i componenti il Comitato Nazionale perché ne prendano visione e per la vidimazione del corretto contenuto da parte dei medesimi. Qualora entro trenta giorni, a far data dalla spedizione per posta elettronica, non pervengano osservazioni da parte dei componenti il Comitato Nazionale Centro Studi, il verbale si intende approvato; 

f) redige, in raccordo col Segretario del Comitato Esecutivo Nazionale, il Preventivo delle Attività programmate con relativo Bilancio; 

g) redige, sempre in raccordo col Segretario del Comitato Esecutivo Nazionale, la Relazione delle Attività svolte nell’anno precedente, con relativo Bilancio consuntivo; 

h) per l’attività che svolge avrà il rimborso delle spese, in accordo con i criteri stabiliti dal Consiglio Direttivo. 

Art. 5 I RESPONSABILI DEI CENTRI STUDI U.I.L.T. REGIONALI 

a) I Responsabili dei Centri Studi U.I.L.T. Regionali sono scelti da ciascun Direttivo Regionale tra persone di comprovata attitudine ed esperienza; 

b) il loro compito è elaborare il programma delle attività formative, del quale gestiscono la procedura sia amministrativa che finanziaria; tale programma viene presentato al proprio Direttivo Regionale, che lo approva a maggioranza dei componenti del Direttivo stesso; 3 

c) i Responsabili dei Centri Studi Regionali non possono autonomamente proporre iniziative che riguardino la propria Regione senza avere avuto l’approvazione del rispettivo Consiglio Direttivo Regionale; 

d) i Responsabili dei Centri Studi Regionali, per la loro attività, avranno il rimborso delle spese da parte dalle rispettive U.I.L.T. Regionali, sulla base delle decisioni autonome concordate. 

Art. 6 LE MACROAREE 

Dal momento che il Consiglio Direttivo Nazionale ha espresso la volontà di instituire in modo permanente le Macroaree, in attesa che questo orientamento venga formalizzato anche nello Statuto Nazionale, si decide che il Centro Studi Nazionale della U.I.L.T. sia suddiviso in Macroaree, costituite dall’unione geografica di più Regioni e si suggerisce la seguente ripartizione geografica: 

a) Nord (Emila Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Liguria, Lombardia, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Valle D’Aosta); 

b) Centro (Lazio, Marche, Abruzzo, Toscana, Umbria, Sardegna); 

c) Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia)- 

Art. 7 I RESPONSABILI DELLE MACROAREE 

a) Ciascuna Macroarea è coordinata da un Responsabile di Macroarea, eletto dal Comitato Nazionale del Centro Studi su proposta del Direttore Nazionale, esaminate le candidature pervenute dai vari Responsabili dei Centri Studi Regionali. In mancanza di candidature, il Direttore Nazionale del Centro Studi propone la nomina dei Responsabili delle Macroaree, scegliendoli tra gli altri iscritti UILT; 

b) il mandato di Responsabile di Macroarea è di durata triennale e decade automaticamente in caso di elezione di un nuovo Direttore Nazionale del Centro Studi; 

c) l’incarico di Responsabile di Macroarea può essere revocato dal Comitato Nazionale del Centro Studi su proposta delle Regioni costituenti la Macroarea, oppure su richiesta del Direttore Nazionale o del Segretario Nazionale del Centro Studi, per gravi motivi od inadempienze; 

d) I Responsabili delle Macroaree collaborano strettamente con il Direttore Nazionale del Centro Studi rispetto alle linee programmatiche delle attività del Centro Studi Nazionale, svolgendo funzione di collegamento fra quest’ultimo e le aggregazioni regionali di riferimento, garantendo un più stretto raccordo funzionale ed organizzativo interno e fungendo da stimolo per le attività del Centro Studi Nazionale con le Regioni facenti parte delle Macroaree di riferimento; 

e) I Responsabili di Macrorea sono ammessi di diritto a partecipare alle riunioni del Centro Studi Nazionale; se non sono anche Direttori dei Centri Studi Regionali non hanno diritto di voto. 

Art. 8 TEMPISTICA DELLE ATTIVITÀ 

a) Entro il mese di gennaio di ogni anno, il Direttore Nazionale ed il Segretario Nazionale predispongono la “Relazione sulle Attività del Centro Studi” ed il “Bilancio Consuntivo” dell’anno precedente e li sottopongono, tramite invio per posta elettronica, all’attenzione del Comitato Nazionale del Cento Studi, che dovrà approvarli a maggioranza assoluta dei suoi componenti; li trasmetteranno quindi al Comitato Esecutivo che, dopo averli esaminati nella sua prima seduta dopo tale trasmissione, li presenterà al Consiglio Direttivo Nazionale, che dovrà approvarli nella sua prima convocazione dopo tale invio; 4 

b) entro il mese di settembre di ogni anno, il Direttore Nazionale ed il Segretario Nazionale presentano al Comitato Nazionale del Centro Studi, anche tramite posta elettronica, il “Bilancio Preventivo” e la “Programmazione delle Attività” per il successivo anno, che dovranno essere approvati con una maggioranza della metà più uno dei suoi componenti; 

c) per l’espletamento delle votazioni tramite posta elettronica, ogni avente diritto di voto comunica il proprio indirizzo di posta elettronica al Segretario Nazionale del Centro Studi, che avrà cura di trasmetterli al Segretario del Comitato Esecutivo. La mail esprimente il voto deve essere inviata sia al Segretario Nazionale del Centro Studi sia al Segretario del Comitato Esecutivo. Al fine del conteggio dei voti, saranno considerate valide unicamente le mail trasmesse dagli indirizzi di posta elettronica comunicati come sopra specificato; 

d) trenta giorni prima dell’ultima riunione dell’anno del Consiglio Direttivo Nazionale, il “Bilancio Preventivo” approvato viene trasmesso al Segretario del Comitato Esecutivo e all’intero Comitato Esecutivo, che ne valuta la copertura finanziaria. In caso di modifica per insufficiente copertura finanziaria, il “Bilancio Preventivo” è rinviato dal Segretario del Comitato Esecutivo al Segretario del Centro Studi per le relative rettifiche. Il Segretario del Comitato Esecutivo, entro 10 giorni dalla data prevista per la riunione, ritrasmette il bilancio emendato al Consiglio Direttivo Nazionale per la discussione, per eventuali modifiche e per l’approvazione sia dello stesso “Bilancio Preventivo” che della “Programmazione delle attività”. 

Art. 9 NORMA FINALE. 

Per quanto non contemplato nel presente Regolamento, si fa riferimento allo Statuto Nazionale dell’Unione Italiana Libero Teatro e a quanto previsto in materia dalla vigente Normativa di Legge.