GIORNATA MONDIALE DEL TEATRO

giornatamondialedelteatro.it

27 MARZO GIORNATA MONDIALE DEL TEATRO

La Giornata Mondiale del Teatro è stata creata a Vienna nel 1961 durante il 9° Congresso mondiale dell’Istituto Internazionale del Teatro su proposta di Arvi Kivimaa a nome del Centro finlandese. Dal 27 marzo 1962 (data di apertura della stagione del Teatro delle Nazioni di Parigi), la Giornata Mondiale del Teatro è celebrata dai Centri Nazionali dell’I.T.I. che esistono in un centinaio di paesi del mondo.

L’Istituto Internazionale del Teatroè stato creato in 1948, per iniziativa dell’U.N.E.S.C.O. e di personalità famose nel campo del teatro, ed è la più importante organizzazione internazionale non governativa nel campo delle arti della scena. L’I.T.I. cerca “di incoraggiare gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione tra le persone di teatro, sensibilizzare l’opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell’amicizia tra i popoli, associarsi alla difesa degli ideali e degli scopi definiti dall’U.N.E.S.C.O.”.

Le manifestazioni che segnano la Giornata Mondiale del Teatro permettono di concretizzare questi obiettivi.

Ogni anno, una personalità del mondo del teatro, o un’altra figura conosciuta per le sue qualità di cuore e di spirito, è invitata a dividere le proprie riflessioni sul tema del Teatro e della Pace tra i popoli. Questo, che viene chiamato “il messaggio internazionale”, è tradotto in diverse lingue ed è poi letto davanti a decine di migliaia di spettatori prima della rappresentazione della sera nei teatri nel mondo intero, stampato nelle centinaia di quotidiani e diffuso da radio e televisione sui cinque continenti. Jean Cocteaufu l’autore del primo messaggio internazionale nel 1962.

Il teatro riunisce e la Giornata Mondiale del Teatro è la celebrazione di questa volontà. È un’opportunità per gli artisti della scena di dividere col pubblico una certa visione della loro arte ed il modo con cui questa arte può contribuire alla comprensione ed alla pace tra i popoli.

Alla diffusione del messaggio internazionale vengono ad aggiungersi numerosi avvenimenti, dalla manifestazione quasi intima fino alla grande celebrazione popolare. Ecco alcuni esempi: lettura del messaggio nei teatri il 27 marzo; festival di teatro internazionale e nazionale il giorno stesso o intorno al 27 marzo; rappresentazioni eccezionali, simposi e tavole rotonde sul teatro; giornata “porte aperte” ed inaugurazione di nuovi teatri; redazione di messaggi nazionali; articoli nella stampa sul teatro e dei commenti sul messaggio internazionale; trasmissioni di radio e di televisione sul teatro; programmazione eccezionale di opere drammatiche alla radio ed alla televisione; giornata di entrata libera o distribuzione gratuita di biglietti di teatro; conferenze di eminenti personalità nazionali; balli popolari, kermesse, feste, sfilate, teatri imbandierati; manifesti speciali, edizione di un francobollo speciale; rappresentazioni e collette in favore degli organismi di beneficenza nel campo del teatro.

Tra gli autori del messaggio internazionale: Jaen Cocteau, Arthur Miller, Laurence Olivier, Jean-Louis Barrault, Hélene Weigel, Miguel Angel Asturias, Peter Brook, Pablo Neruda, Maurice Bejart, Luchino Visconti, Richard Burton, Eugene Ionesco, Radu Beligan, Janusz Warminski, Mikhail Tsarev, André-Louis Perinetti, Wole Soyinka, Antonio Gala, Martin Esslin, Kiril Lavrov, Jorge Lavelli, Edward Albee, Vaclav Havel, Umberto Orsini, Saadalla Wannous, Jeong Ok Kim, Vigdis Finnbogadottir, Michel Tremblay, Iakovos Kampanellis, Girish Karnad, Tankred Dorst, Fathia El Assal, Ariane Mnouchkine, Victor Hugo Rascon Banda, Mohammed Al Rasimi, Robert Lepage, Augusto Boal, Jessica A. Kaahwa.

Finalmente, dopo tanti anni durante i quali la U.I.L.T. (Unione Italiana Libero Teatro), da sola in Italia, ha commemorato la Giornata Mondiale del Teatro, il 6 novembre 2009, accogliendo la sollecitazione dell’U.N.E.S.C.O., il Consiglio dei Ministri, con apposita delibera, ha istituito anche in Italia la Giornata Mondiale del Teatro, allineando ufficialmente il nostro Paese al resto del mondo.

Purtroppo, dopo averla celebrata solo nel 2010, il Governo ha accolto la richiesta delle associazioni di categoria dello spettacolo ed ha sospeso le celebrazioni per il 2011.

La U.I.L.T.che, insieme a tanti amici in ogni continente, celebra la Giornata Mondiale del Teatrogià da molto tempo è invece intenzionata a continuare, anche se, altri, condizionati da una visione provincialeche dimentica una tradizione mondialeche dura da oltre mezzo secolo, preferiscono recedere dai buoni propositi enunciati.

Noi, come sempre fatto, insieme ad esprimere l’orgoglio di essere teatranti, approfittiamo dell’occasione per sottolineare anche i motivi di preoccupazioneche rendono acuto il disagio del “fare teatro”nel nostro Paese, sia a livello amatoriale che professionistico.

Coordinatore nazionale della U.I.L.T. per la Giornata Mondiale del Teatro è Gianni Della Libera(g.dellalibera@alice.it).